Le idee commerciali e i consigli che dovresti ascoltare per aprire un negozio ortofrutticolo

Guide, recensioni e opinioni

Le idee commerciali e i consigli che dovresti ascoltare per aprire un negozio ortofrutticolo

Per avviare un’attività di fruttivendolo dovremo avere un po’ di capitale, i contatti necessari per ottenere fornitori e, soprattutto, una grande fiducia in noi stessi, tanta perseveranza ed energie, non solo le proprie, ma anche quelle di un programma specifico in grado di aiutarti nel lavoro come un software di gestione reparto ortofrutta che sia in grado di aiutarti registrando ogni singola attività svolta, dalle fatturazioni, ai pagamenti agli imballaggi, ai cicli passivi e attivi.

Ecco qui di seguito le chiavi essenziali per aprire il tuo negozio di frutta e verdura:

– Per quanto riguarda il profilo dell’imprenditore che inizia l’attività di vendita di prodotti ortofrutticoli, solitamente non richiede esperienza pregressa o formazione specifica, ma richiede conoscenza del modo in cui opera il settore. Chi ha voglia di imparare e spirito imprenditoriale imparerà presto come funziona l’azienda e le caratteristiche dei prodotti.

– Niente sarà così importante per il funzionamento di questa attività come conoscere i gusti e le esigenze dei clienti. Anche se questo si può dire di qualsiasi azienda o progetto che arriva sul mercato, in un negozio di high street è ancora più importante. Il trattamento imbattibile e la qualità dei prodotti freschi, oltre ad un prezzo competitivo, saranno i fattori complementari. Se riesci a fidelizzare i tuoi clienti, diventeranno la tua migliore promozione e ti pubblicizzeranno “passaparola”, come se lavorassero per te. Ricorda che questo tipo di pubblicità è la più efficace ed economica di tutte.

Per conoscere i gusti della clientela è bene dare loro un assaggio del genere, sia con prodotti nuovi che con quelli tipici della stagione.

Inoltre, è importante differenziarsi dalla concorrenza fornendo ai clienti servizi a valore aggiunto, come la fornitura di prodotti biologici o esotici, la consegna a domicilio o la possibilità di effettuare ordini tramite telefono e Internet.

– Quali sono i margini di un’attività di fruttivendolo? Dobbiamo considerare che i prodotti che venderemo avranno prezzi molto diversi e dovremo anche affrontare la perdita di parte del genere. Il margine lordo sul prezzo di acquisto stimato dal settore per un’attività al dettaglio dedicata alla vendita di frutta e verdura varia tra il 30% e il 40% del prezzo di acquisto (a cui dobbiamo sottrarre ciò che abbiamo scartato per scadenza), che sono circa il 5%-10% della merce acquistata.

Nello svolgimento di questo studio abbiamo considerato, tenendo conto dei possibili sprechi, un margine lordo del 28% sulle vendite, che equivale ad un margine del 38,9% sugli acquisti.

– Quando si apre un negozio di frutta e verdura, una delle questioni più rilevanti è l’ubicazione geografica dell’attività. La cosa ottimale è che si trova in una strada trafficata e vicino ad attività commerciali correlate, come mercati, pescherie, macellerie e altre che condividono lo stesso tipo di cliente.

Se riusciamo ad insediare l’attività su una strada pedonale, si favorirà l’attitudine all’acquisto del cliente anche se è più difficile fornire i prodotti a causa delle limitazioni alla circolazione stradale.

Un altro aspetto essenziale dell’attività sarà che l’assunzione del personale è molto scrupolosa nella scelta di chi si occuperà dei clienti. La gentilezza e la qualità dell’attenzione individualizzata che lascia i clienti soddisfatti è essenziale per fidelizzarli.

– Il prezzo deve tenere conto dei prezzi gestiti dal nostro concorso. Dobbiamo presumere che alcuni prodotti saranno venduti a prezzi molto bassi per pubblicizzare la nostra attività e ottenere i primi clienti.

– Vediamo i costi iniziali di questo tipo di progetto imprenditoriale:

– Affitto o acquisto dei locali.

– Condizionamento dei locali: segnaletica esterna, illuminazione, ventilazione, vetrine e scaffali, banconi, registratori di cassa, licenze legali, ecc (abbiamo calcolato che si aggirano sui 10.000 euro).

– Cella frigo (oltre 5.000 euro).

– Acquisto iniziale di frutta e verdura (2.000 euro).

– Costituzione dell’SCP o della SL (tra 500 e 3.000 euro).

Vediamo che, senza contare l’acquisto dei locali, l’avvio dell’attività può comportare uno sforzo economico di circa 20.000 euro.

Per ottimizzare la gestione di un negozio di frutta e verdura, hai la possibilità di assumere dei veri professionisti che si occupino di svolgere questo lavoro in modo approfondito. Ad esempio, un buon manager online rende facile e veloce completare con successo e rapidità le procedure lavorative, fiscali e contabili necessarie per avviare la nostra attività con il piede giusto.