Come si organizza la prevenzione in azienda

Guide, recensioni e opinioni

Come si organizza la prevenzione in azienda

prevenzione in azienda

In questo momento di crisi economica, è importante ricordare che le cattive pratiche di salute e sicurezza sul lavoro possono essere costose. Inoltre, le statistiche mostrano che una buona gestione del sistema di prevenzione all’interno di un’azienda porta a un aumento delle prestazioni e della redditività.

Se si trascura il sistema di prevenzione, ci perdono tutti: dai lavoratori ai sistemi sanitari nazionali. Ma significa anche che il miglioramento delle politiche e delle pratiche in questo settore può essere vantaggioso per tutti.

I Paesi con sistemi sanitari e di sicurezza sul lavoro inadeguati utilizzano risorse preziose per affrontare infortuni e malattie prevenibili. Un buon piano di prevenzione aziendale ha molti vantaggi, come:

  • aumento della produttività dovuto alla riduzione delle assenze per malattia;
  • riduzione dei costi sanitari;
  • promozione dell’uso di tecnologie e metodi di lavoro più efficienti;
  • diminuzione del numero di persone che devono ridurre l’orario di lavoro per prendersi cura di un familiare.

Prevenzione dei rischi: il datore di lavoro è responsabile

In assenza di una gestione del rischio aziendale, la sanzione può essere pesante sia dal punto di vista penale e civile, sia in termini umani ed economici.

Il datore di lavoro è responsabile della salute e della sicurezza dei suoi dipendenti. Sarà dunque tenuto ad attuare:

  • Azioni per prevenire i rischi professionali e il disagio sul lavoro,
  • Azioni di informazione e formazione per i dipendenti,
  • La costituzione di un’organizzazione e di mezzi adeguati.

Politica di prevenzione: i 9 punti da seguire

Secondo il Codice del lavoro, è necessario mettere in atto una politica di prevenzione dei rischi basata su nove grandi principi di prevenzione.

  1. Evitare i rischi

Qualsiasi rischio identificato deve essere evitato e/o eliminato. Se ciò non è possibile, limitare l’esposizione al pericolo. Ad esempio: una macchina fa troppo rumore e danneggia il dipendente? Deve essere spostato in un luogo appartato o sostituita con un modello più nuovo e più silenzioso.

  1. Valutare i rischi

Questo è uno dei principi di prevenzione più importanti. Ciò corrisponde ad un vero e proprio lavoro analitico da svolgere su tutte le postazioni di lavoro dell’azienda. Valutarli sarà un vantaggio per dare priorità alle azioni preventive. Si ricorda che l’intera valutazione deve essere trascritta nel Documento Unico di Valutazione dei Rischi, un documento obbligatorio che elenca i rischi di tutte le attività.

Alcuni esempi: esistono rischi fisici, chimici, psicosociali, ecc.? Quali sono le loro conseguenze sulla salute e la sicurezza dei dipendenti? Qual è il loro livello di pericolo, la loro frequenza?

  1. Anticipare i rischi

Evitare l’elemento sorpresa. Questo principio di prevenzione deve essere considerato già in fase progettuale. Ad esempio: stai progettando nuovi locali? Ricordati di ottimizzare il layout e di pensare con attenzione alla scelta delle attrezzature.

  1. Adattare il lavoro ai dipendenti

Le postazioni di lavoro, i metodi di lavoro quotidiani e le attrezzature devono limitare il più possibile le fatiche e la monotonia sul lavoro. La prevenzione nei luoghi di lavoro comporta anche la limitazione dei ritmi di lavoro.

Ad esempio: nella catena di distribuzione, adattare il lavoro ai dipendenti consente di limitare le azioni non necessarie, di guadagnare in efficienza e di preservare la loro salute a lungo termine.

  1. Tieni conto dell’evoluzione della tecnica

I lavori di oggi non sono quelli di domani. Essere costantemente alla ricerca di trasformazioni tecniche, organizzative o gestionali relative al/ai vostro/i settore/i di attività. Sta a voi mettere in atto i mezzi appropriati per rispondere alle sfide dell’innovazione.

  1. Scegli l’alternativa migliore

Ogni volta che è possibile ottenere un risultato equivalente, è necessario scegliere il processo o il prodotto meno pericoloso.

Ad esempio: maneggi prodotti chimici? Piuttosto che distribuire maschere protettive, lavora per sostituire i prodotti irritanti con prodotti non pericolosi. E se ciò non è possibile, agire alla fonte (soluzioni di raccolta, aerazione, ecc.).

  1. Piano di prevenzione

La prevenzione dei rischi interessa tutte le aree aziendali, per cui è necessario garantire la coerenza complessiva delle varie misure che verranno adottate.

  1. Favorire le misure di prevenzione collettiva

Viene data priorità all’attuazione di soluzioni organizzative e collettive, più efficaci a lungo termine rispetto alle soluzioni individuali.

Ad esempio: invece di finanziare la formazione sulla postura sul lavoro per ogni dipendente, agire sulle condizioni che generano disturbi muscoloscheletrici.

  1. Informa i tuoi dipendenti

Informare è uno dei principi cardine della prevenzione nelle aziende. I dipendenti devono essere pienamente consapevoli dei rischi a cui sono esposti e comprendere le misure messe in atto per limitarli. Tale comunicazione deve essere effettuata in piena trasparenza, nel rispetto delle persone e promuovendo il dialogo sociale.

La prevenzione dei rischi si fa a monte e richiede una reazione rapida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.