Come funziona una stufa a pellet

Guide, recensioni e opinioni

Come funziona una stufa a pellet

stufa a pellet

Sebbene sia tra i dispositivi di riscaldamento più costosi da acquistare, la spesa per la stufa a pellet viene rapidamente ammortizzata dal consumatore poiché richiede meno investimenti in combustibile per produrre tanta aria calda quanto una tradizionale stufa a legna.

Queste eccellenti prestazioni in termini di efficienza vengono ottenute grazie a una modalità di funzionamento tecnologica unica, a testimonianza di una maggiore efficienza. La sua autonomia di più giorni e la possibilità di programmare i programmi di riscaldamento la rendono un apparecchio particolarmente pratico e confortevole. Capiamo il funzionamento per cogliere i vantaggi energetici della stufa a pellet.

Qual è il meccanismo di una stufa a pellet?

La  caratteristica principale della stufa a pellet è quella di essere alimentata a pellet di legno per riscaldare in modo rapido ed efficiente.

Questo combustibile, ottenuto dalla compattazione dei residui di segheria, viene immesso nel serbatoio della stufa prima di essere trasportato in camera di combustione tramite un sistema a coclea senza fine. Motoriduttore, ventola aspira fumi, camera di combustione, resistenza, ogni componente della stufa a pellet gioca un ruolo determinante per produrre una combustione ottimale.

Le fasi di funzionamento della stufa a pellet sono le seguenti:

  • La stufa a pellet è dotata di un serbatoio in cui viene messo il combustibile.
  • Non appena viene innescata l’accensione, ogni pellet di legno viene convogliato nella camera di combustione dalla coclea. Il flusso di pellet è determinato in base alle vostre esigenze grazie al motoriduttore, questo piccolo motore che permette la gestione automatica della rotazione della coclea.
  • Una volta che i pellet sono all’interno della camera di combustione, bruciano in un fuoco alimentato da un flusso d’aria regolare, che ottimizza l’efficienza dell’apparecchio. Diversi elementi soffianti (condotto di ingresso aria, ventilatore di convezione e ventilatore di estrazione fumi) assicurano la corretta produzione di aria calda prevedendo un circuito di circolazione dall’ingresso dell’aria esterna all’uscita dell’aria calda, per alimentare in continuo la camera di combustione. Uno scambiatore di calore interviene in questo circuito per massimizzarne le prestazioni.
  • L’aria calda viene diffusa nell’ambiente, mentre un condotto collegato alla canna fumaria o avente un’uscita frontale (nel caso di stufa a tenuta) assicura l’evacuazione dei fumi dalla stufa all’esterno dell’abitazione.

L’apporto di aria nelle stufe a pellet

L’apporto d’aria nella stufa a pellet è determinante. Garantisce una combustione ottimale del pellet e gioca un ruolo diretto nelle prestazioni e nella durata dell’apparecchio. L’aria è fondamentale per la formazione del fuoco e quindi per il buon funzionamento della stufa a pellet. Il tiraggio della canna fumaria e dell’aspiratore permette di portare l’aria nella camera di combustione.

La maggior parte dei modelli di stufe a pellet offre programmi di pianificazione o addirittura termostatici, in modo da offrire agli utenti il ​​massimo comfort di utilizzo possibile e facilitare la gestione dell’energia. Ad esempio, i produttori offrono stufe il cui funzionamento può essere programmato in base alle ore di occupazione dell’alloggio.

In generale vi consigliamo di prediligere sempre una stufa a pellet con sistema di ventilazione: pur essendo leggermente più rumorosa assicura una distribuzione uniforme del calore.